fbpx

Decreto PNRR 2 convertito in legge: proroga Sismabonus acquisto 110%, obbligo di POS e fatturazione elettronica per i forfettari

Il Decreto PNRR 2 del 30 aprile 2022 è stato convertito in legge. Vediamo le principali novità che riguardano il settore condominiale e gli amministratori di condominio.

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 150 del 29 giugno 2022 la Legge n. 79 del 29.06.2022 di conversione con modificazioni, del Decreto PNRR 2 del 30 aprile 2022 n. 36, recante ulteriori misure urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).

Il testo contiene svariate misure che toccano vari ambiti tra cui quello condominiale e inerente agli amministratori di condominio. Ne avevamo già parlato in quest’articolo della probabile proroga inerente al Sismabonus acquisto al 110% che è stata confermata.

Difatti, slitta al 31 dicembre 2022 il termine per stipulare il contratto di compravendita di un immobile antisismico, a patto che siano rispettate alcune condizioni, ovvero:

  • entro il 30 giugno 2022 deve essere stato sottoscritto un contratto preliminare di vendita dell’immobile, registrato regolarmente all’Agenzia delle Entrate;
  • i contribuenti devono aver versato acconti, mediante il meccanismo dello sconto in fattura, e aver maturato i relativi crediti d’imposta;
  • è necessario aver ottenuto la dichiarazione di ultimazione dei lavori strutturali, il collaudo degli stessi e l’attestazione del collaudatore statico che asseveri il raggiungimento della riduzione del rischio sismico;
  • è necessario che l’immobile sia stato accatastato almeno in categoria F/4.

Tra le altre novità entra in vigore anche l’obbligo di possesso del POS per tutti i professionisti e gli esercenti, a partire dal 30 giugno 2022. Secondo le nuove disposizioni, infatti, nei casi di mancata accettazione di un pagamento con carta, di qualsiasi importo, si applica nei confronti dei soggetti che effettuano attività di vendita di prodotti o prestazioni di servizio (anche professionali) una sanzione amministrativa pecuniaria pari a 30 euro, aumentata del 4% del valore della transazione per la quale sia stata rifiutata l’accettazione del pagamento.

L’altra importante novità riguarda l’obbligo di emettere la fattura elettronica esteso anche ai contribuenti forfettari.

Difatti, a partire dal 1° luglio tutti i liberi professionisti che nell’anno precedente abbiano conseguito ricavi o percepito compensi superiori a 25.000 euro, compresi quindi gli amministratori di condominio, avranno l’obbligo di fatturazione elettronica. Dal 1° gennaio 2024 il suddetto obbligo sarà esteso a tutti i professionisti.

La normativa prevede anche un periodo transitorio per ciò che riguarda le sanzioni legate all’obbligo di fatturazione elettronica. A tal proposito, per il terzo trimestre 2022, i professionisti che dal 1° luglio sono soggetti all’obbligo di fatturazione elettronica, non dovranno pagare sanzioni se la fattura elettronica sarà emessa entro il mese successivo a quello dell’operazione.

Deborah Maria Foti
Ufficio Stampa ANAPI

Vorresti rimanere sempre aggiornato/a su tutte le novità in materia condominiale?
Iscriviti alla nostra Newsletter settimanale!

Potrebbe piacerti anche