fbpx

General Contractor e Superbonus 110%

Come ogni settimana diamo spazio alle domande dei nostri Associati ANAPI e questa settimana il quesito riguarda il General Contractor nell’ambito del Superbonus 110%.

L'ASSOCIATA CHIEDE

Gentile Associazione, 

il condominio, oggetto del mio mandato, vorrebbe ristrutturare l’edificio dove la Società richiamata dovrà sostenere tutti i costi di coordinamento delle attività richieste dal bonus 110% e dei professionisti indicati per ottemperare agli obblighi dal ” decreto rilancio “. Vorrei, quindi, chiedere delle specifiche sulle attività del “General Contractor”.

L'ESPERTO RISPONDE

Preg.ma Associata,

L’Agenzia delle Entrate della Regione Lombardia con l’interpello N° 904-334/2021 ha confermato che:

L’articolo 119 del Decreto Legge 19 maggio 2020  n. 34 (di seguito “Decreto Rilancio”), convertito, con modificazione, dalla  legge 17 luglio 2020 n. 77, ha introdotto nuove disposizioni che disciplinano la detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, spettante nella misura del 110  per cento delle spese stesse a fronte di specifici interventi finalizzati alla efficienza energetica (ivi inclusa la installazione di impianti fotovoltaici e delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici), nonché al consolidamento statico o alla riduzione del rischio sismico degli edifici (cd. Superbonus) effettuati su unità immobiliari residenziali.

Inoltre:

La circolare N° 24/E dell’8 agosto 2020 ha chiarito (cfr. paragrafo 5) che sono detraibili nella misura del 110 per cento, nei limiti previsti per ciascun intervento, le spese sostenute per il rilascio del visto di conformità nonché delle attestazioni e delle asseverazioni.

Nessuna indicazione o richiamo espresso, viene espresso con riferimento al “General Contractor”.

Tanto premesso questa Direzione regionale è dell’avviso che le spese relative al compenso per il servizio reso da parte del “General Contractor”, a titolo di costi organizzativi e di coordinamento delle attività che gli sono state affidate dal condominio oggetto del quesito (in cui l’istante possiede un immobile), non possano essere oggetto di detrazione da parte dell’interpellante, dovendosi ritenere agevolabili soltanto le voci di spesa strettamente relative agli interventi eseguiti ed ammissibili al Superbonus, in linea con quanto previsto dal D.L. 34 del 2020 e quanto chiarito dalla circolare n. 24 del 2020.

Centro Studi ANAPI
Dott. Roberto Bonasia

Vorresti rimanere aggiornato/a su tutte le novità in materia condominiale?
Iscriviti alla nostra Newsletter settimanale!

Potrebbe piacerti anche