Opposizione a decreto ingiuntivo: a volte non basta

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Opporsi al decreto ingiuntivo non è sufficiente: per evitare il pagamento di contributi condominiali per le spese di riscaldamento, il condomino che si sia distaccato dall’impianto centralizzato deve impugnare la delibera che ha ripartito le spese e – successivamente – il decreto ingiuntivo. Il principio è stato affermato dal Tribunale di Roma, che ha respinto con una sentenza recente l’opposizione al decreto proposta da alcuni condomini, i quali ritenevano di non dover partecipare alle spese per il riscaldamento in quanto le loro unità immobiliari non ne erano più servite da diversi anni.

Afferma infatti il giudice che, a norma dell’art. 63 Disp. Att. Cod. Civ. «…la delibera dell’assemblea di condominio che approva la spesa e la ripartisce tra i condòmini costituisce titolo di credito del condominio e, di per sé, prova l’esistenza di tale credito e legittima (…) la concessione del decreto ingiuntivo…». Per liberarsi dall’obbligo di contribuzione, i condòmini avrebbero dovuto impugnare la delibera formulando apposita domanda di annullamento: le contestazioni di merito (la circostanza del distacco dei condòmini dall’impianto, per essere chiari) infatti sono esaminabili dal giudice solo nel giudizio che segue a tale impugnativa, mentre «in sede di opposizione a decreto ingiuntivo il controllo del giudice è limitato, sotto questo profilo, alla sola verifica della perdurante esistenza ed efficacia della relativa delibera».

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Potrebbe piacerti anche