Nuovi voucher per il condominio

Abrogati a marzo e reintrodotti nella manovra-bis, con alcune modifiche, i nuovi voucher sono uno strumento utilizzabile anche dal condominio. 

Per lavori di giardinaggio, pulizia o manutenzione può infatti essere preferibile in alcuni casi – rispetto ai tradizionali contratti di appalto o somministrazione – fare ricorso al lavoro occasionale. Lo strumento ad hoc si chiama Libretto Famiglia, un libretto telematico per il pagamento di prestazioni occasionali da svolgere in ambito privato.

 

Cosa prevede: un tetto massimo di 2.500 euro di compenso per attività lavorative rese, nel corso di un anno civile, da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore. Non è possibile rivolgersi a un lavoratore con il quale l’utilizzatore abbia in corso o abbia cessato da meno di sei mesi un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione coordinata e continuativa.

Come funziona: ciascun utilizzatore acquista, attraverso la piattaforma informatica INPS o presso gli uffici postali, un Libretto prefinanziato contenente i titoli per il pagamento delle prestazioni occasionali; ogni voucher ha un valore nominale di 10 euro per ogni ora di lavoro, con oneri contributivi, assicurativi  e gestionali a carico del committente (2 euro complessivi). L’INPS provvederà a versare il compenso al lavoratore il 15 del mese successivo alla prestazione, mediante accredito su conto corrente bancario o bonifico pagabile presso gli sportelli di Poste Italiane. 

I compensi percepiti dal prestatore sono esenti da imposizione fiscale, non incidono sul suo stato di disoccupato e sono computabili ai fini della determinazione del reddito necessario per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno.