Acqua contaminata, per il Giudice di Pace ok alla tariffa ridotta

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Lo ha ripreso Il Sole 24 Ore commentando una sentenza, la numero 1453/2018 del Giudice di Pace di Cagliari, relativa alla controversia tra un residente del Medio Campidano e il gestore idrico unico Abbanoa.

Se l’acqua del rubinetto è sporca e magari ha colore e odore di ruggine non si paga a prezzo pieno, ma la tariffa va ricalcolata come quando si eroga acqua grezza.

Dai rubinetti di una casa sgorga acqua marrone e dall’odore di ruggine, a quel punto l’utente finale preleva alcuni campioni e li porta in un laboratorio. I risultati certificano la condizione di acqua non potabile che non può essere utilizzata né per uso domestico né per lavarsi. L’utente quindi segnala il tutto al gestore e anche Federconsumatori, associazione per la tutela dei consumatori.

Quello che però fa andare su tutte le furie l’utente è che nel frattempo riceve una bolletta da mille euro con canoni arretrati. All’opposizione presentata, in cui si richiede anche un ricalcolo proprio in virtù di questa problematica, risponde il giudice di Pace del tribunale di Cagliari.

Si va in dibattimento, viene prodotta tutta la documentazione relativa alla qualità dell’acqua e il giudice condanna quindi il gestore. L’utente potrà pagare una tariffa ridotta mentre il gestore è stato condannato a mille euro di spese legali.

Non perderti tutte le novità relative al mondo condominiale:
iscriviti alla nostra newsletter!

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Potrebbe piacerti anche