Beni significativi e IVA al 10%, ecco cosa dice il decreto

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Come ogni lunedì diamo spazio alle domande dei nostri Associati ANAPI e questa settimana la domanda è relativa ai poteri dell’amministratore di condominio.

“Gentile Associazione,

Vorrei sapere quale aliquota dell’Iva deve essere applicata su una fattura per sostituzione portone di ingresso, cassette postali e porta di accesso ai garage, tenuto conto che i lavori saranno oggetto di detrazione fiscale.”

“Gentilissimo Associato,

I beni significativi sono stati espressamente individuati dal decreto 29 dicembre 1999  indicando ascensori e montacarichi, infissi esterni ed interni, caldaie, per cui è richiesta l’applicazione dell’ I.V.A al 10%.

Inoltre, l’Agenzia delle Entrate con la circolare n°15/E del 2018, rubricata ” La disciplina dei beni significativi alla luce della norma di interpretazione autentica dell’art 7, comma , lettera b), della legge 23 dicembre 1999, n. 488, introdotta dall’articolo 1, comma 19 della legge 27 dicembre, n. 205 .

[…..]” In base alla norma d’interpretazione autentica prevista dall’art. 1, comma 19 della Legge di Bilancio 2018, la verifica in merito alla rilevanza delle parti staccate rispetto al bene significativo, ai fini della corretta determinazione della base imponibile sulla quale applicare l’IVA con aliquota nella misura del 10 per cento,“ si effettua in base all’autonomia funzionale delle parti rispetto al manufatto principale (i.e. bene significativo), come individuato nel citato decreto ministeriale(i.e.D.M. 29 dicembre 1999)”.In altri termini, le parti staccate dei beni significativi (rectius, il valore delle stesse),solo se connotate dalla loro autonomia funzionale rispetto al manufatto principale (rectius, bene significativo ) non sono comprese nel valore del bene significativo, ai fini della verifica della quota di valore non soggetta ad aliquota nella misura del 10 %.

Diversamente, se la parte separata concorre alla normale funzionalità dei beni significativi ed è, dunque, priva di una propria autonomia funzionale, la stessa deve essere considerata parte integrante dei medesimi beni.

In quest’ultimo caso, il valore della parte separata deve confluire, ai fini della determinazione del limite cui applicare l’aliquota IVA del 10 %, nel valore dei beni significativi.”

Arrivederci alla prossima settimana per la risposta ad un nuovo quesito!

Non perderti tutte le novità relative al mondo condominiale:
iscriviti alla nostra newsletter!

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Potrebbe piacerti anche