Tinteggiatura sottotetto, a carico dell’usufruttuario o del nudo proprietario?

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Come ogni lunedì diamo spazio alle domande dei nostri Associati ANAPI e questa settimana la domanda è relativa alle spese a carico dell’usufruttuario e del nudo proprietario.

“Gentile Associazione,

Avrei bisogno di un chiarimento circa una spesa sostenuta in un condominio da me amministrato. La tinteggiatura dei legni del sottotetto è a carico dell’usufruttuario o del nudo proprietario?”

“Preg.mo Associato,

L’art. 67 delle disp. att. al codice civile dispone all’ultimo comma che il nudo proprietario e l’usufruttuario rispondono solidamente per il pagamento dei contributi dovuti all’amministrazione condominiale.

Orbene, la dimensione della fattispecie deve essere affrontata richiamando il citato art.67 delle disp.att. al codice civile in combinato disposto dell’ art.1004 rubricato spese a carico dell’usufruttuario e dall’art 1005 del codice civile e 1006 c.c rubricato rifiuto del proprietario alle riparazioni .

L’art. 1004 del codice civile dispone che le spese e, in genere, gli oneri relativi alla custodia, amministrazione e manutenzione ordinaria della cosa, sono a carico dell’ usufruttuario.

Sono pure a suo carico le riparazioni straordinarie, rese necessarie dall’inadempimento degli obblighi di ordinaria manutenzione.

L’art. 1005 del codice civile rubricato “riparazioni straordinarie” dispone, invece, che le riparazioni straordinarie sono a carico del proprietario qualificando le medesime come necessarie ad assicurare la stabilità dei muri maestri e delle volte, la sostituzione delle travi, il rinnovamento, per intero o per una parte notevole, dei tetti, solai, scale, acquedotti, muri di sostegno o di cinta. L’usufruttuario deve corrispondere al proprietario, durante l’usufrutto, l’interesse delle somme spese per le riparazioni straordinarie. 

L’art. 1006 c.c. prevede, poi, la facoltà dell’usufruttuario di far eseguire a proprie spese le riparazioni poste a carico del proprietario, quando quest’ultimo, previamente interpellato, rifiuti di eseguirle o ritardi l’esecuzione senza giustificato motivo. In tal caso, la stessa norma stabilisce che le spese devono essere rimborsate alla fine dell’usufrutto, senza interessi.

Le norme richiamate si distinguono attribuendo la titolarità dell’adempimento tra amministrazione e manutenzione richiamati dall’art.1004 c.c. e le riparazioni straordinarie richiamate dall’art 1005 c.c..

La Corte di Cass. Sez. II n°22703 del 6/11/2015 definisce la nozione di “manutenzione” con tutte quelle opere finalizzate a prevenire una alterazione, mentre per riparazione l’opera che rimedia ad un’alterazione già verificatasi nello stato delle cose in conseguenza dell’uso o per cause naturali.

Pertanto, nella fattispecie oggetto di quesito, la tinteggiatura dei legni del sottotetto è a carico dell’usufruttuario, in quanto, richiamando la giurisprudenza di legittimità, si tratterebbe di manutenzione la cui mancanza determina una alterazione dello stato del legno oggetto di disputa sull’addebito della spesa tra usufruttuario e nudo proprietario.”

Arrivederci alla prossima settimana per la risposta ad un nuovo quesito!

Non perderti tutte le novità relative al mondo condominiale:
iscriviti alla nostra newsletter!

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Potrebbe piacerti anche