Nomina amministratore di condominio, come procedere quando non vi è l’obbligo?

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Nel caso di un piccolo condominio con un numero di unità abitative inferiori a 9, i cui condomini, se pur non all’unanimità, richiedono un amministratore di condominio, come è necessario procedere per la nomina di quest’ultimo?

L’art. 1129 c.c. rubricato “Nomina, revoca e obblighi dell’amministratore” dispone che:

quando i condomini sono più di otto, se l’assemblea non vi provvede, la nomina di un amministratore è fatta dall’autorità giudiziaria su ricorso di uno o più condomini o dell’amministratore dimissionario.

Il criterio dell’obbligatorietà della nomina è attribuito non in relazione al numero delle proprietà, ma in relazione ai condomini, ovvero dei proprietari così come accertato da anagrafe condominiale, quale obbligo voluto dalla riforma del condominio legge 220/2012, ex art.1130 del codice civile comma 1 n°6 rubricato “Attribuzioni dell’amministratore”.

Tuttavia, in relazione al caso di specie, se sussiste o meno l’obbligo della nomina dell’amministratore ex art.1129 c.c le maggioranze richieste per la nomina e revoca del mandatario sono quelle indicate tassativamente dall’art.1136 c.c, premesso i quorum costitutivi richiesti per la convocazione dell’assemblea.

Non perderti tutte le novità relative al mondo condominiale:
iscriviti alla nostra newsletter!

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Potrebbe piacerti anche