Fondo di accantonamento condominiale, va restituito in caso di vendita?

Come ogni settimana diamo spazio alle domande dei nostri Associati ANAPI e questa settimana la domanda è relativa al fondo di accantonamento condominiale.

“Gentile Associazione,

In un condominio, che presenta un fondo di accantonamento, un condomino ha venduto il proprio appartamento e mi ha richiesto in restituzione la sua quota di fondo cassa.

A mio avviso il fondo di accantonamento è di proprietà del Condominio e non dei singoli condomini e quindi va lasciato nelle casse condominiali.

Chiedo, gentilmente, di avere  delle delucidazioni in merito, anche perché è la prima volta che si presenta tale situazione e sinceramente non so qual è la prassi da adottare.”

L’Esperto risponde

“Preg.ma associata,

La questione andrebbe sviluppata sul piano convenzionale attraverso un regolamento assembleare che definisca i fondi di accantonamento.

Oppure tramite delibera assembleare premesso i requisiti dell’art.1135 c.c rubricato “Attribuzioni dell’assemblea dei condomini” che attribuisce all’assemblea oltre all’approvazione del del rendiconto annuale dell’amministratore e all’impiego del residuo attivo della gestione.

I fondi di accantonamento  a parere dello scrivente rientrerebbero nel patrimonio del condominiale richiamato dall’art. 1129 c.c n° 4 che distingue in cui distingue il patrimonio del condominio dal patrimonio personale dell’amministratore.

Pertanto è opportuno che il dante causa e l’avente causa stabiliscono nell’atto di compravendita eventuali quote condominiali versate come differenza dovuta per l’acquisto dell’immobile.”

Arrivederci alla prossima settimana per la risposta ad un nuovo quesito!

Non perderti tutte le novità relative al mondo condominiale:
iscriviti alla nostra newsletter!

Potrebbe piacerti anche