Coronavirus in Condominio: linee guida per gli Amministratori

In questo momento di evidente emergenza nazionale a causa del diffondersi del Coronavirus, è importante che anche gli Amministratori di Condominio si impegnino a rispettare le restrizioni imposte e a divulgare le informazioni necessarie per sensibilizzare condòmini, dipendenti e fornitori.

La diffusione del Covid-19, o Coronavirus, ha creato uno stato di emergenza nel nostro Paese, il quale ha portato il Governo ad emanare vari decreti legge per contrastare e contenere il contagio.

L’epidemia sta modificando la nostra quotidianità, ed anche gli amministratori di condominio, si trovano a fronteggiare moltissime richieste sulla possibilità di riunirsi in assemblea o sulla sanificazione degli edifici o ancora sulle eventuali linee guida da adottare per sensibilizzare i condòmini. Chiariamo, quindi, quali sono i comportamenti che dovrebbe adottare un amministratore di condominio per andare incontro alle varie richieste.

Il Ministero della Salute, nella circolare 3190 del 3 febbraio 2020, ha chiarito la responsabilità del datore di lavoro in merito alla tutela dei lavoratori per limitare la diffusione del Covid-19 ed ha inoltre invitato tutti ad adottare le comuni misure preventive.

Le misure comuni preventive sono: il lavaggio frequente delle mani, il quale è fondamentale per la prevenzione delle infezioni; igienizzare tutte le superfici con prodotti specifici; evitare contatti stretti e protratti con persone che presentano sintomi influenzali ed infine adottare tutte le misure di prevenzione che il datore di lavoro ritiene necessarie.

Gli amministratori di condominio, hanno quindi il dovere di divulgare tutte le informazioni necessarie da adottare per prevenire la trasmissione del coronavirus. Affinché tutti i condòmini e i fornitori del condominio vengano messi al corrente sulle istruzioni date dal Ministero della Salute, l’amministratore può stampare una copia delle raccomandazioni elencate ed affiggerla in bacheca.

Oltre alla raccomandazione inerente al lavaggio frequente delle mani, è consigliabile che l’amministratore vieti l’uso contemporaneo dell’ascensore a più persone, proprio per evitare i contatti stretti e rispettare l’obbligo di mantenere la distanza di 1 metro tra le persone.

A tal proposito, come da Dpcm sottoscritto il 9 marzo dal Presidente del Consiglio:

è fatta espressa raccomandazione a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche o con multimorbilità ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati nei quali non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

Sarebbe opportuno, perciò, che gli amministratori di condominio, sensibilizzassero soprattutto i condòmini più anziani al rispetto di questa raccomandazione.

Nei confronti di coloro che operano come dipendenti all’interno del condominio (custodi degli stabili, addetti alle pulizie, giardinieri, addetti ai vari servizi) è importante che l’amministratore si assicuri che siano tutti dotati dei dispositivi di protezione (guanti, mascherine).

È importante, inoltre, che l’amministratore concordi con la ditta delle pulizie i prodotti da utilizzare per sanificare periodicamente tutti gli spazi e le superfici dell’edificio.

Ricordiamo, inoltre, che come ribadito dal DPCM del 9 marzo 2020, “sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati”, pertanto va da sé che siano vietate anche le assemblee di condominio su tutto il territorio nazionale. Di conseguenza, l’amministratore è tenuto a rimandare la convocazione dell’assemblea dopo il 3 aprile, il termine stabilito, per adesso, dal decreto legge.

Nel caso in cui gli amministratori di condominio non rispettassero il suddetto divieto, potrebbero andare incontro alla violazione dell’art. 650 del codice penale, il quale stabilisce che: “Chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall’autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica o d’ordine pubblico o d’igiene, è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato [c.p. 336, 337, 338], con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a euro 206.”

Non perderti tutte le novità relative al mondo condominiale:
iscriviti alla nostra newsletter!

Potrebbe piacerti anche