23 Luglio 2018 – Quesito della Settimana

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Questa settimana il quesito posto è il seguente:


“Gentile Associazione,

I condomini richiedono all’amministratore un’assemblea straordinaria per discutere dell’approvazione consuntivo (il bilancio si è chiuso il 30/05/2018) e per la revoca dell’amministratore.

In sede di assemblea i condomini approvano il consuntivo e lo stato di riparto e revocano l’amministratore.

Lo stesso amministratore revocato, non concede loro la possibilità di nomina nuovo amministratore in quanto non espressamente scritto nell’ordine del giorno. Volevo sapere se è corretto oppure se ci sono dei tempi particolari per gli stessi condomini di ritrovarsi e riconvocarsi solo tra di loro (perché non è più obbligatorio la figura dell’amministratore revocato?) per discutere sulla nomina del nuovo amministratore.


Anapi risponde:

Gentile associato,

L’art 1129 del codice civile, rubricato “Nomina, revoca ed obblighi dell’amministratore”, dispone che l’incarico di amministratore di un anno si intende rinnovato per egual durata.

Secondo le ultime pronunce giurisprudenziali di merito, l’amministratore alla fine del primo anno può non inserire nella convocazione come ordine del giorno la nomina e revoca dell’amministratore, ma alla fine del secondo anno, tale ordine deve essere inserito.

In compenso, prima della chiusura dell’anno, è possibile inoltrare attraverso la sottoscrizione di almeno due condomini che rappresentano 1/6 del valore dell’edificio, una raccomandata con la richiesta di un’ assemblea straordinaria ai sensi dell‘art 66 delle disp. att., con questo specifico ordine del giorno.

Arrivederci alla prossima settimana per la risposta ad un nuovo quesito!

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Potrebbe piacerti anche